Come spostare un sito da un host web a un altro nel 2020

sposta wordpress su un nuovo host senza tempi di inattività


Ti stai chiedendo come passare il tuo sito WordPress da un host web a un altro senza tempi di inattività? Proprio come trasferirsi in una nuova casa nel mondo fisico, migrare verso una nuova “casa” (host web) su Internet comporta una serie unica di sfide. Una delle preoccupazioni più frequenti è se il tuo sito verrà chiuso durante lo spostamento.

Ma non c’è nulla di cui preoccuparsi.

In questo articolo, ti mostreremo come trasferire il tuo sito da un host web a un altro senza tempi di inattività in 2 metodi.

Metodo n. 1: Migrazione gratuita del tuo sito con l’aiuto di esperti
Metodo n. 2: Migrazione del tuo sito da solo (passo dopo passo)

Ma prima di iniziare, andiamo oltre perché dovresti spostare il tuo sito WordPress su un nuovo host e perché dovresti evitare i tempi di inattività.

Quando e perché dovresti spostare il tuo sito WordPress in un nuovo host

Esistono diversi motivi per cui dovresti trasferire il tuo sito WordPress a un altro host, esaminiamo alcuni dei motivi principali:

1. Il tuo sito web è lento
Potresti aver iniziato con un provider di web hosting che hai trovato tramite una breve ricerca su Internet. Tuttavia, con l’aumentare del traffico del tuo sito Web, devi cercare una soluzione affidabile in grado di offrire velocità e prestazioni migliori. Un sito web a caricamento lento non è solo male per la SEO, ma aumenta anche la possibilità che gli utenti abbandonino il tuo sito web. In questo caso, trasferiresti il ​​tuo sito WordPress in un nuovo host per migliorare lo stato del tuo sito web. Inoltre, consulta la nostra guida su come trasferire WordPress da un server locale al sito live.

2. Stai perdendo traffico:
Se stai riscontrando molti tempi di inattività con il tuo attuale host web, è un buon segno che è tempo di passare a un nuovo host. I tempi di inattività non pianificati durante le ore più trafficate del tuo sito Web possono turbare i visitatori del tuo sito Web e farti perdere contatti, clienti fedeli e entrate. Inoltre, troppi tempi di inattività possono far scendere le classifiche dei risultati di ricerca. Il passaggio a un host web che offre una garanzia di uptime ti garantirà di non perdere traffico o vendite.

3. Il tuo attuale host web non è adatto a te:
Uno dei motivi più comuni e semplici per cui potresti voler passare da un host web a un altro è che il tuo host web attuale non ti dà ciò che desideri. Ad esempio, forse il tuo attuale host web è troppo costoso. Forse hai trovato un host web migliore che è più conveniente e offre più funzionalità di cui hai bisogno, come Bluehost. È importante scegliere un host web che fornisca al tuo sito Web ciò di cui ha bisogno e uno che si adatti al tuo budget.

Ma devi sempre assicurarti che il tuo sito Web sia attivo e funzionante mentre la migrazione ha luogo da un host a un altro. Continua a leggere per scoprire perché.

Nota: Potresti anche voler controllare come spostare WordPress in un nuovo nome di dominio.

Perché dovresti evitare i tempi di fermo? (Importante)

I principianti con piccoli siti WordPress che hanno poco o nessun traffico tendono a chiedersi perché dovrebbero preoccuparsi di un po ‘di tempo morto. D’altra parte, è più ovvio il motivo per cui i siti Web di grandi dimensioni con più traffico e ottimi ranking dei motori di ricerca dovrebbero fare attenzione quando si cambia host. I siti Web più grandi non possono rischiare alcun tempo morto poiché possono influire sul loro stato. Tuttavia, anche i piccoli siti Web devono essere consapevoli dei problemi.

I tempi di inattività del sito Web non vanno bene per i siti Web piccoli o grandi. Parliamo di alcuni modi in cui i tempi di inattività possono influire sul tuo sito WordPress:

  • Gli utenti penseranno che hai chiuso – Quando gli utenti visitano il tuo sito Web, vogliono vederlo funzionare. Se il tuo sito web è soggetto a tempi di inattività, i nuovi visitatori potrebbero credere che non esista e i vecchi utenti potrebbero pensare che tu abbia chiuso.
  • Reputazione danneggiata – I tempi di inattività possono verificarsi per diversi motivi. Un utente tecnico può capirlo, ma non tutti i tuoi utenti sono sviluppatori. Creerà una brutta impressione del tuo marchio o della tua attività con il visitatore medio.
  • Perdita di classifiche SEO – Il tuo sito Web potrebbe classificarsi bene nei motori di ricerca. Quando il tuo sito Web è inattivo e i motori di ricerca inviano i loro bot per eseguire la scansione del tuo sito, danneggeranno le tue classifiche.

Dopo aver letto quanto sopra, si spera, hai un’idea del perché è importante avere un uptime del sito web 24/7/365. Quando si sposta il sito Web in un nuovo host, è possibile seguire i passaggi seguenti per evitare tempi di inattività e migrare correttamente il sito Web WordPress.

Suggerimento bonus: Puoi sempre utilizzare il nostro strumento gratuito di verifica del tempo di attività del sito Web per analizzare lo stato del tuo sito Web.

Pronto per iniziare? Andiamo!

Metodo 1: Migrare il tuo sito gratuitamente con l’aiuto di esperti

Nel primo metodo, ti mostreremo come migrare gratuitamente il tuo sito da un host web a un altro. Questo passaggio è per coloro che non sono tecnicamente molto validi. Seguendo questo metodo puoi far migrare il tuo sito senza pagare un solo centesimo e senza seguire complicati passaggi.

Per questo, è necessario scoprire i fornitori di servizi di hosting che offrono servizi di migrazione gratuiti. Per renderti più semplice, abbiamo elencato alcune società di hosting che migreranno il tuo sito Web gratuitamente a condizione che accetti di ospitare il tuo sito con loro. Quindi proviamoli.

1. SiteGround

siteground hosting economico

SiteGround offre servizi di migrazione gratuiti per i suoi utenti che optano per i piani di hosting GrowBig e GoGeek.

Per usufruire del servizio di migrazione gratuito, dopo la registrazione, vai alla dashboard di SiteGround. Qui, sotto il Area utente vai a Supporto »Richiedi assistenza al nostro team» Sito Web di trasferimento. In questo modo, puoi far migrare tutti i file del tuo sito Web e il database dell’applicazione dal vecchio servizio di hosting a SiteGround in modo semplice e senza problemi.

Soprattutto, tutti i percorsi dei file e le informazioni del database rimangono invariati sul nuovo account di hosting, quindi non è necessario correggere nulla sul sito dopo la migrazione.

2. HostGator

HostGator, servizi di migrazione gratuiti

HostGator è un’altra grande opzione che offre servizi di migrazione gratuiti ai suoi utenti entro 30 giorni dalla registrazione per un servizio di web hosting. Questa opzione è disponibile con qualsiasi piano a cui ti iscrivi. Per usufruire del loro servizio di trasferimento gratuito, devi solo compilare un modulo in 3 passaggi e chiedere loro di trasferire il tuo sito.

Ma prima avrai bisogno delle seguenti informazioni:

  • Nome utente FTP di hosting precedente
  • Nome utente e password FTP
  • Informazioni sull’amministratore di WordPress
  • URL di accesso cPanel insieme a nome utente & parola d’ordine
  • Ultimo backup del database WordPress

3. A2 Hosting

A @ hosting, migrazione gratuita

L’opzione successiva che puoi scegliere è il servizio di hosting A2. Proprio come SiteGround e HostGator, l’hosting A2 offre anche servizi di migrazione gratuiti ai suoi utenti.

Una volta completato il pagamento, accedi al portale clienti e fai clic su Supporto »Migrazione . Clicca sul Richiedi migrazione opzione.

Ora seleziona le caselle di controllo per accettare i Termini di servizio e la Politica di utilizzo accettabile, quindi fai clic su Continua al passaggio 2. Nel passaggio successivo, seleziona il servizio desiderato e fai clic sul Continua al passaggio 3 pulsante. Infine, nel passaggio successivo, premi il tasto Invia migrazione pulsante.

E questo è tutto. Riceverai una notifica non appena la migrazione sarà completata.

Metodo 2: Migrazione manuale del tuo sito (Step by Step)

Questo metodo è per coloro che sono disposti a migrare manualmente il proprio sito Web da soli. Anche se sembra intimidatorio per i principianti, non è così difficile come sembra. Segui i nostri passi correttamente e dovresti essere bravo ad andare.

Ecco un elenco di passaggi che tratteremo:

  1. Scegli un nuovo host web
  2. Crea il backup del tuo sito per la migrazione utilizzando Duplicator
  3. Importa il tuo sito WordPress nel tuo nuovo host
  4. Modifica il file dell’host per evitare tempi di inattività
  5. Crea un database MySQL sul tuo nuovo host web
  6. Avviare il processo di migrazione del duplicatore
  7. Aggiorna il tuo dominio

Importante: Vogliamo ricordarti che alcuni provider di web hosting offrono un servizio di migrazione gratuito. Se non sei sicuro che il tuo provider di hosting offra la migrazione gratuita, chiedi loro prima di farlo tu stesso. Se non lo offrono, puoi andare avanti con il tutorial.

Passaggio 1: scegliere un nuovo host Web

Cambiare il tuo host web è una decisione importante di per sé, quindi dovrai assicurarti di aver fatto abbastanza sforzi per ottimizzare il tuo sito sul tuo host attuale prima di passare a uno nuovo. Se non riesce ancora a fornire velocità, sicurezza, prestazioni, ecc. Anche dopo l’ottimizzazione, è necessario cambiare il tuo hosting web.

web hosting

Quando scegli un nuovo host web, tieni presente le funzionalità specifiche di cui il tuo sito ha bisogno nella sua posizione attuale e in futuro, quindi non è necessario cambiare nuovamente host lungo la linea.

Esistono molti tipi diversi di web hosting come hosting condiviso, hosting di server dedicato e hosting WordPress gestito.

Quando scegli un host web, ecco cosa ti consigliamo:

Hosting condiviso:

Perfetto per coloro che hanno appena iniziato con un nuovo sito Web e hanno bisogno di una soluzione di hosting conveniente. Bluehost è il miglior fornitore di hosting condiviso. Sono ufficialmente raccomandati da WordPress.org. Gli utenti di IsItWP ottengono uno sconto del 60% insieme a un nome di dominio gratuito quando acquistano un nuovo account di hosting.

Inizia oggi stesso con Bluehost!

Server dedicato:

È la soluzione migliore per gli utenti che desiderano affittare l’intero server per il loro solo utilizzo e necessitano del pieno controllo del server. Consigliamo InMotion Hosting per server dedicati. Ti consentono di scegliere il data center ideale per il tuo sito e di fornire assistenza gratuita all’avvio per 2 ore. Il coupon di hosting InMotion ti farà ottenere più sconti.

Inizia oggi stesso con InMotion Hosting!

Hosting WordPress gestito:

La scelta migliore per i siti Web WordPress che attirano un volume di traffico elevato. Con l’hosting WordPress gestito, puoi gestire il tuo sito su un server ottimizzato in modo univoco per la configurazione di sicurezza di WordPress. Consigliamo WP Engine per l’hosting WordPress gestito.

Inizia oggi stesso con WP Engine!

Ti consigliamo di dare un’occhiata a questi confronti tra Bluehost vs InMotion hosting e Bluehost vs WP Engine.

Dopo aver acquistato un piano di hosting, non installare WordPress come faresti di solito quando crei un nuovo sito. Tienilo vuoto e passiamo al passaggio 2.

Passaggio 2: Creare il backup del sito per la migrazione utilizzando Duplicator

Vai nell’area di amministrazione del sito che desideri spostare e installa il plug-in Duplicator. È uno dei migliori plugin di WordPress per migrazioni e backup. Se non sai come installare un plug-in, fai riferimento alla nostra guida dettagliata sull’installazione di un plug-in WordPress.

Dopo aver installato il plug-in Duplicator, vai a Duplicatore »Pacchetti nella dashboard di WordPress.

Quindi, fai clic su Creare nuovo pulsante nell’angolo destro della pagina.

creare-new-pacchetto-duplicatore-plugin

Successivamente, vedrai una pagina come quella illustrata di seguito. Clicca il Il prossimo pulsante per avviare il processo di creazione del pacchetto.

click-next-to-create-package

Da lì, ti porterà al secondo passaggio del processo di creazione del pacchetto. Assicurarsi che la scansione sia completa e tutti i risultati lo siano Buona. Quindi, fai clic su Costruire pulsante.

completa-scan

Attendere il completamento del processo. Questo potrebbe richiedere del tempo, a seconda delle dimensioni del tuo sito.

Una volta completato il processo, vedrai le opzioni di download per Installer, Archivio, e Download con un clic. Dovrai fare clic su Download con un clic perché avrai bisogno sia dei file di installazione che di archiviazione.

one-click-download-duplicatore

Il file Archive è una copia del tuo sito e il file Installer ti aiuterà a scaricare automaticamente il processo di installazione.

Passaggio 3: importa il tuo sito WordPress nel tuo nuovo host

Successivamente, dovrai caricare i file scaricati (programma di installazione e archivio) sul tuo nuovo host web. Per fare ciò, è possibile utilizzare un client FTP per connettersi al nuovo host web. Se sei nuovo, puoi seguire le istruzioni fornite in questa guida dettagliata a caricare file via FTP su WordPress.

Utilizzando il tuo client FTP, carica sia i file di installazione che i file di archivio nella directory principale (di solito / nomeutente / public_html / cartella) del tuo sito web.

Prima di caricare, devi assicurarti che la cartella sia completamente vuota. Alcune società di hosting WordPress installano automaticamente WordPress al momento dell’iscrizione. Dovrai eliminarlo se è già stato installato dal tuo host.

Passaggio 4: modifica il file dell’host per evitare tempi di inattività

Hai già caricato sia il file installer.php che il file archive.zip sul tuo nuovo host web al passaggio 3, quindi prova ad aprire il file installer.php nel tuo browser.

Puoi accedere al file usando un URL come questo:

http://www.example.com/installer.php

Ma, quando provi ad accedere al file, otterrai un 404 pagina di errore perché il tuo dominio punta ancora al vecchio host.

Ciò implica che è necessario modificare i server dei nomi di dominio e puntare al nuovo host, ma non consigliamo di farlo. In tal caso, mostrerà ai tuoi utenti un sito Web non funzionante mentre procedi con la migrazione.

Ecco perché ti suggeriamo di utilizzare un metodo alternativo in modo che gli utenti possano accedere al tuo sito completamente, anche durante la migrazione.

Con questa tecnica, sarai in grado di accedere al tuo nuovo sito utilizzando temporaneamente il tuo nuovo dominio sul tuo computer. Viene eseguito con il file di un host sul tuo computer che puoi utilizzare per mappare i nomi di dominio su indirizzi IP specifici.

Ora, aggiungerai una voce per il tuo nome di dominio nel file dell’host in modo che punti al tuo nuovo host, ma utilizzando solo il tuo computer. Pertanto, puoi accedere ai tuoi file sul tuo nuovo host web mentre gli utenti accederanno ancora al tuo sito dal vecchio host. Quindi, non ci sono tempi di inattività.

Innanzitutto, dovrai scoprire l’indirizzo IP del tuo nuovo server di web hosting. Per trovarlo, apri la dashboard di cPanel e vai a Informazioni sul server. Lì, lo vedrai come Indirizzo IP condiviso.

host-ip-address

Mantieni aperta questa pagina poiché dovrai copiare l’indirizzo IP in un passaggio successivo.

Se stai utilizzando Windows, vai a Programmi »Tutti i programmi» Accessori, fare clic con il tasto destro del mouse su Blocco note e selezionare Esegui come amministratore. Quindi, verrà visualizzato un prompt UAC di Windows con 2 opzioni: e No. Clicca su per avviare Blocco note con privilegi di amministratore.

Ora nella schermata Blocco note, vai a File »Apri e poi vai a

C: WindowsSystem32driversetc. Seleziona il file dell’host e aprilo.

Se stai utilizzando il Mac, dovrai aprire l’app Terminale e inserire questo comando per modificare il file dell’host:

sudo nano / private / etc / hosts

Quindi, sia gli utenti Windows che Mac devono inserire l’indirizzo IP che hai copiato e il tuo nome di dominio nella parte inferiore del file dell’host in questo modo:

192.168.1.22 www.example.com

Quindi, salva le modifiche. Ora puoi ora accedere ai file del tuo sito sul nuovo host usando il tuo nome di dominio sul tuo computer.

Nota: Dovrai annullare le modifiche apportate al file dell’host dopo aver completato la migrazione del sito al passaggio 6.

Passaggio 5: creare un database MySQL sul nuovo host Web

Ora sei pronto per eseguire il installer.php file sul nuovo host, ma è necessario assicurarsi che venga creato un database MySQL prima di farlo.

Per creare un database MySQL, vai alla dashboard del tuo cPanel e vai su Banche dati sezione. Quindi, dovrai fare clic su Database MySQL sezione.

mysql-database

Ora vedrai un campo per creare un nuovo database. Digitare il nome del database e fare clic su Crea database pulsante.

creare-new-mysql-Database-bluehost

Dopo aver creato un database, scorrere verso il basso la pagina fino a Utenti MySQL sezione. Da lì, fornire un nome utente e una password per il nuovo utente e quindi fare clic su Creare un utente pulsante.

creare-mysql-user

Prendi nota del nome utente e della password del database che hai appena creato perché ti serviranno nel passaggio successivo.

Ora devi aggiungere il tuo utente al database. Per fare ciò, scorrere verso il basso fino a Aggiungi utente al database e scegli il database MySQL e l’utente che hai appena creato. Quindi, fai clic su Inserisci pulsante.

add-user-to-database bluehost

Ora, il tuo database è pronto per l’uso nel tuo sito WordPress.

Passaggio 6: avviare il processo di migrazione del duplicatore

Infine, sei pronto per eseguire il file di installazione.

Quindi, vai alla barra degli indirizzi del tuo browser e inserisci l’URL come mostrato di seguito per eseguire installer.php.

http://www.example.com/installer.php

duplicatrice-installazione-step1

Il programma di installazione eseguirà alcuni test e mostrerà Passaggio accanto ai test di archiviazione e convalida, come mostrato nella schermata sopra.

Seleziona la casella termini e condizioni, quindi fai clic su Il prossimo pulsante.

Da lì vedrai il Passaggio 2 di Duplicator aperto. Devi inserire l’host MySQL, il nome del database, il nome utente e la password. Inserire localhost nel campo host e compilare i dettagli del database utilizzati nel passaggio 5.

duplicatrice-installazione-step2

Ora puoi fare clic su Il prossimo per continuare. Tuttavia, ti consigliamo di fare prima clic su Database di test per garantire che non vi siano errori di connessione al database.

Quindi, Duplicator importerà il tuo database WordPress dal file archive.zip nel tuo nuovo host.

Successivamente, il passaggio 3 di Duplicator ti chiederà di aggiornare l’URL o il percorso del sito, ma non è necessario modificare nulla in quanto non lo stai effettivamente cambiando. Quindi, fai clic su Il prossimo per continuare.

Duplicator eseguirà i passaggi finali e mostrerà il pulsante di accesso nel suo quarto e ultimo passaggio.

duplicatrice-installazione-last-passo

Ora, hai spostato completamente il tuo sito WordPress in un nuovo host web. Quindi, puoi semplicemente accedere e verificare se tutto è a posto.

Passaggio 7: aggiorna il tuo dominio

Siamo giunti alla fase finale del passaggio del tuo sito WordPress da un host web a uno nuovo.

Nel passaggio precedente, hai aggiunto una copia di tutti i file del tuo sito al tuo nuovo host ma il tuo dominio punta ancora al tuo vecchio host, quindi dovrai aggiornare anche il tuo dominio.

Per fare ciò, dovrai cambiare il tuo Nameservers DNS. Se il tuo dominio è stato registrato con la tua società di hosting, è meglio spostare il dominio nel nuovo host web. Se è stato registrato in una società di registrazione di domini come NameCheap, GoDaddy ecc., Dovrai aggiornare i tuoi nameserver di dominio.

I nameserver di dominio sono in genere un paio di URL, come quelli di seguito, che otterrai dal tuo nuovo host web.

ns1.hostname.com
ns2.hostname.com

I passaggi per modificare i nameserver di dominio differiscono da un provider di dominio a un altro; tuttavia, il concetto di base è lo stesso. Quindi, ti mostreremo come cambiare i nameserver DNS con Domain.com e GoDaddy in questo tutorial.

Cominciamo con Domain.com.

Prima di tutto, accedi al tuo account Domain.com. Trova il dominio che desideri aggiornare e fai clic su Gestire pulsante.

gestire i nameserver

Quindi, fai clic su DNS & nameservers.

change-dns-e-nameserver

Per modificare i nameserver, fare clic su modificare accanto a Nameservers.

modifica nameserver

Quindi, inserisci i tuoi nuovi nameserver forniti dal tuo nuovo host web e fai clic su Salva pulsante.

Questo è tutto!

Allo stesso modo, diamo un’occhiata a come aggiornare i nameserver in GoDaddy.

Innanzitutto, accedi al tuo account GoDaddy e vai a domini. Quindi, fare clic su Gestire pulsante accanto al nome di dominio che si desidera aggiornare.

gestire domini-GoDaddy

Quindi vai a Altre impostazioni e clicca su Gestisci DNS.

aggiuntivi-settings-dns-gestire

Ora dovrai scorrere verso il basso fino a nameservers sezione e fare clic sulla Modificare pulsante.

change-nameserver

Quindi, fai clic sul menu a discesa e cambia il tipo di nameserver Predefinito per costume. Quindi, inserisci i tuoi nuovi nameserver forniti dal tuo nuovo host web e fai clic su Salva pulsante.

update-DNS

Ora hai aggiornato correttamente i tuoi nameserver di dominio. Sfortunatamente, potrebbero essere necessarie dalle 4 alle 48 ore per eseguire queste modifiche DNS.

Nel frattempo, ora avrai gli stessi contenuti sia sul tuo vecchio host che sul nuovo host in modo che gli utenti non vedano alcuna differenza e la migrazione del sito sarà senza interruzioni senza interruzioni (puoi verificare il costo dei downtime utilizzando il nostro costo di downtime gratuito calcolatrice o persino utilizzare il nostro strumento di stato del sito Web per verificare se il nostro sito è attivo per i tuoi utenti).

Speriamo che questa guida ti abbia aiutato a passare il tuo sito WordPress da un host web a un altro senza tempi di inattività. Puoi anche consultare il nostro tutorial passo-passo sulla creazione di un’e-mail aziendale gratuita tramite Bluehost.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map